Image

Biraghi: “Indossare la maglia della Nazionale è un onore: che gioia il gol alla Polonia”

Cristiano Biraghi è intervenuto in conferenza stampa dal ritiro della Nazionale italiana a Coverciano: “Gol alla Polonia? È stato importante per la squadra, che è quello che conta. Poi c’è la gioia personale, è importante vincerla, quella partita, al di là del gol arrivato così, alla fine. Il risultato giusto era la vittoria, poi a livello personale… non faccio molti gol, farne uno così è stato ancora più emozionante. Indossare la maglia della Nazionale è un onore, è una cosa stupenda. L’hanno indossata grandi campioni, devo solo imparare e prendere qualcosa di loro, ma è difficile arrivare a quei livelli. Sono leggende del calcio italiano e mondiale. Fase difensiva? È un aspetto che devo migliorare, tutti i giorni lavoro per questo. Ogni giocatore ha delle caratteristiche, ci sono lati positivi e lati negativi. Si possono limare ma poi è difficile che possano diventare punti di forza. Cerco di migliorare perché a questi livelli bisogna essere giocatori completi, magari negli ultimi due anni la gente mi conosce di più, ma so che progressi ho fatto. Ritengo di aver fatto un buon lavoro. Ripensando a quando ero a Pescara ero in un altro tipo di situazione, inferiore a quella di ora. Ci ho sempre creduto, nei momenti di difficoltà soprattutto, quando rimani un po’ più da solo. Nessuno ti sta vicino, poi serve anche un po’ di fortuna, io sono riuscito ad arrivare alla Fiorentina quando stava iniziando un ciclo di rifondazione. Non c’era molto in giro come terzini sinistri, sono anche stato fortunato. C’è stata anche la bravura di lavorare sotto l’aspetto mentale e quello tecnico tattico”