Image

Corriere dello Sport – Veretout conteso, ecco i giorni decisivi per chiudere

MILANO – Il desiderio di chiudere la telenovela Jordan Veretout spingerà Milan e Fiorentina ad avere nuovi contatti in questi primi giorni della settimana. Il centrocampista francese ha risposto alla chiamata della squadra viola prendendo parte al ritiro di Moena, ma la situazione ambientale non è delle migliori (ieri si è allenato a parte). I tifosi l’hanno criticato per la decisione di voler cambiare maglia, e così il direttore sportivo Daniele Pradè gli ha promesso di trovare una soluzione a stretto giro. I rossoneri rispetto all’offerta iniziale di 13 milioni più il cartellino di Biglia, sono arrivati a 15 milioni nel weekend, e potrebbero aumentarla sensibilmente in queste ore. Le telefonate tra Paolo Maldini e Pradè sono all’ordine del giorno, c’è la volontà dei due club di trovare un’intesa, ma bisogna limare ancora la differenza economica. La società di Rocco Commisso è convinta di strappare un prezzo alto per la vendita di Veretout, e non vuole spostarsi dai 25 milioni fissati al termine del campionato. Il Milan però non arriva a questa cifra, allora ha proposto l’inserimento di una contropartita nella trattativa. Alla Fiorentina piace Lucas Biglia, e potrebbe essere il 33enne argentino il regista ideale per Vincenzo Montella, arrivato proprio in rossonero nell’anno della gestione cinese quando fu preso dal ds Mirabelli. Pur esprimendo un importante gradimento verso Biglia, la Fiorentina vuole tenere separate le due operazioni di mercato, mentre Maldini spinge per il pacchetto completo. D’altronde con la cessione dell’ex laziale i rossoneri alleggerirebbero anche il bilancio, poiché l’argentino guadagna oltre 3 milioni netti. Uno stipendio che la Fiorentina non vuole accollarsi e potrebbe proporre di spalmarlo in più stagioni.

UOMO GIUSTO. Le trattative per Veretout durano ormai da settimane, ma il Milan col tempo sta aumentando sensibilmente la parte economica per avvicinarsi alla richiesta della Fiorentina, dimostrando di voler chiudere il quarto colpo dell’estate dopo Krunic, Hernandez e Bennacer, e regalare a Marco Giampaolo la mezzala funzionale al suo modo di giocare. Veretout rappresenta un’occasione importante per i rossoneri, così Maldini entro mercoledì vorrebbe una risposta concreta, e sono previsti ulteriori incontri sia con la Fiorentina che con il procuratore Mario Giuffredi.

IN TRE. Il Milan però deve sempre guardarsi le spalle, perché la Roma non ha intenzione di rinunciare. I giallorossi sono ancora in corsa ma si stanno muovendo su canali diversi. Se il Milan ha scelto di privilegiare il contatto tra società, come testimonia il recente summit in zona Duomo tra Maldini, Massara, Pradè e Barone, la Roma invece offre condizioni più vantaggiose al giocatore sia per la durata del contratto che per l’offerta economica, e si è mossa direttamente con il centrocampista. La Roma, in più, può giocarsi la carta delle competizioni europee, un jolly che il Milan non può calare sul tavolo, anche se il progetto del nuovo corso intriga parecchio Veretout. In questo grande intreccio non può mancare il terzo club interessato, ovvero il Napoli. Gli azzurri devono fare ancora un altro acquisto in mezzo al campo e monitorano a distanza la situazione, senza però inserirsi con prepotenza nella mischia.