Image

Corriere dello Sport – Veretout, cuore (viola) di ghiaccio

Iceman Veretout rimane glaciale in ogni occasione. E non è un caso che in questa stagione abbia realizzato il 100% dei rigori calciati. Grande pregio e grande fortuna per chi lo ha in squadra. Non c’è timore dagli undici metri per il francese di ghiaccio, zero emozione negativa. Sempre. Perfino nei casi più complessi psicologicamente come domenica sera contro l’Inter quando sugli spalti la tensione era alta e in ballo c’era molto più di un pareggio. Il rischio sarebbe stato quello di venire travolti dall’amarezza nel caso in cui un rigore così, fosse stato fallito dopo 101′ dal fischio d’inizio. Invece è stato 3-3, risultato pieno di orgoglio, attributi e benzina per le prossime sfide, a cominciare da domani sera.
GLADIATORE. Dall’inizio del campionato ha segnato dagli undici metri anche contro l’Atalanta, altrettanto importante perché ha sbloccato il risultato fra le polemiche. La furia di Gasperini per il rigore concesso a Chiesa e le proteste non hanno intaccato la fermezza di Veretout che ha insaccato il rigore concesso da Valeri senza tremare. Successivamente sempre su rigore la rete del momento 1-0 a Cagliari così come contro la Roma in campionato e a Ferrara quando il Var ha scritto un’altra storica pagina. La furia della Spal non ha minimamente fermato Veretout che si è presentato sul dischetto e ha segnato il provvisorio 2-1 per i viola. Infine domenica sera quando fra stanchezza, eccitazione, proteste dell’Inter e bolgia generale si è presentato dagli indici metri e ha insaccato.

UNICO ERRORE. Da quando è alla Fiorentina ha battuto in totale 10 rigori facendosene parare soltanto uno a Torino nella passata stagione. Rimediando poi nella stessa gara con una rete personale e vittoria finale per 2-1 dei viola. Quindi un danno poco rilevante e con un “colpevole”: N’Koulou che ha giocato nel campionato francese come avversario di Veretout e ha “consigliato” Sirigu.
Gli altri nove penalty invece sono stati insaccati tutti con fredda sequenza. E allora ricordiamo che nella scorsa stagione Veretout ha realizzato dieci gol totali (in questa è a metà dell’opera) di cui quattro su rigore. Prima di tutto una doppietta dal dischetto in coppa Italia con la Sampdoria, centri decisivi per il passaggio del turno.
Poi a Udine in campionato con un centro che ha sbloccato la gara e infine in campionato contro al Lazio in una sfida pazza terminata 4-3 per la formazione di Inzaghi e che ha reso inutile la tripletta personale del francese che nell’occasione aveva mostrato tutto il repertorio: la prima rete infatti su punizione magistrale, la terza su azione di sinistro all’angolo e la seconda appunto su penalty perfetto con Strakosha battuto. Ennesima vittima del francese di ghiaccio.