Image

Grigoris Kastanos da riserva di Davide Nicola a perno di Paulo Sousa

Il cipriota sempre più fondamentale nell’economia del gioco di Paulo Sousa: ormai il portoghese non può farne più a meno. Perchè?

Poco più di quaranta minuti in sette giornate (dalla 16esima alla 22esima) e quasi trecento minuti nelle ultime giornate, tutte da titolare: così è cambiata la storia di Grigoris Kastanos, centrocampista cipriota della Salernitana, divenuto nelle ultime giornata pedina fondamentale nello scacchiere di Paulo Sousa. Rispolverato in una posizione più avanzata, sulla trequarti a ridosso della punta offensiva, Kastanos si è guadagnato sul campo e negli allenamenti la fiducia del tecnico granata e dei compagni, condividendo con Candreva il ruolo di trequarista nel 3-4-2-1 di Paulo Sousa.

Prestazioni gigantesche dal punto di vista quantitativo e qualitativo, condite da un gol, di pregevole fattura, e da tante giocate interessanti, Kastanos è divenuto fondamentale perchè in grado di fare le due fasi in maniera eccellente: la fase di interdizione, a supporto della cerniera di centrocampo, la fase di rifinitura e raccordo con l’attacco, per far ripartire la manovra e creare occasioni da rete. In rosa è, insieme a Candreva, l’unico in grado di fare questo ruolo, in quanto Vilhena si lascia preferire per giocate offensive ed è caratterizzato da una forte discontinutità. Grigoris, al contrario, ha un rendimento costante e lo sta dimostrando gara dopo gara. Protagonista finora della nuova Salernitana di Paulo Sousa, siamo sicuri che sarà prezioso in questo rush finale di campionato, coronando una stagione partita male ma con un finale in crescendo.

FONTE: tuttosalernitana.com