Image

Hysaj sempre più importante nella Lazio di Sarri

Nelle ultime sfide il terzino albanese è tornato su buoni livelli dopo un periodo molto complicato. In estate aveva anche meditato l’addio

E’ stata una delle prime richieste di Sarri appena insediato sulla panchina della Lazio. Il tecnico toscano voleva Hysaj a tutti i costi, anche se fino a questo momento non ha potuto realmente contare su di lui. L’impatto è stato buono, ma con il passare delle settimane si è perso. Nelle ultime sfide contro Sassuolo e Bologna è tornato su buoni livelli, sostituendo alla perfezione Lazzari a Reggio Emilia, ovviamente con caratteristiche diverse.

Un aiuto dalla panchina

La presenza di questo Hysaj permette a Sarri di tirare un sospiro di sollievo. La batteria dei terzini è praticamente ridotta all’osso: ci sono i titolari Lazzari e Marusic e, dalla panchina, proprio l’albanese. La sua duttilità permette di schierarlo su entrambe le fasce, senza sottovalutare la tanta esperienza dovuta all’avventura con il Napoli. Dopo il match di Coppa Italia si era espresso così:

“Non ho trovato un Sarri diverso, ma una squadra. All’inizio è stato difficile, soprattutto per i movimenti in campo. Adesso conosco meglio i miei compagni e questo in campo si vede. Venire a Roma dopo tanto tempo a Napoli non è stato facile, nonostante l’esperienza”.

In estate aveva meditato l’addio, su di lui si era informato il Valencia di Gattuso ma i discorsi non sono andati avanti. Per qualche giorno la società aveva pensato di metterlo sul mercato per sbloccare l’indice di liquidità, ma questo Hysaj può essere un valore aggiunto.

FONTE: cittaceleste.it