Image

Le parole di Mario Rui: “Quest’anno ci affideremo di più al gruppo”

Arrivano le parole di Mario Rui a Radio Kiss Kiss Napoli in visto che ha parlato del ritiro, della prossima stagione e anche di calciomercato

Intervista di Mario Rui

Mario Rui è intervenuto in diretta alla radio ufficiale della SSC Napoli, Kiss Kiss Napoli, durante la trasmissione ‘Radio Goal’, per parlare del calcio Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24:

“Quest’anno si fa più fatica rispetto agli altri anni a causa del caldo. Stiamo cercando di dare continuità nella preparazione per quello che vogliamo fare nella palla.

Sono andati via giocatori importanti che hanno fatto tante cose buone per il Napoli. Ora sono arrivati giocatori con tanta fame che vorranno mettersi in mostra e fare cose importanti per il Napoli.

Kvaratskhelia è motlo bravo, ci vuole il tempo d’adattamento come capita a tutti. Già nei semplici passaggi e palleggi sembra essere molto bravo. Di Osimhen già qualcosa conoscevo perché l’avevo visto nel Lille, poi oggi da vicino dimostra le sue qualità che sono molto importanti. Ancora non ha espresso tutto il suo talento.

Olivera è un altro giocatore che stiamo scoprendo adesso, già lo scorso anno col Getafe si vedevano le sue qualità. Le prime settimane ha avuto un problemino fisico ma ora si sta allenando con noi e sta dimostrando le sue qualità. Ci darà una grande mano. La mentalità deve essere quella di migliorarsi ogni giorno, non solo perché c’è un altro forte nel tuo ruolo. Bisogna essere rivali di se stessi sempre per crescere.

Fa molto piacere sentire i tifosi che mostrano grande affetto, io però non mi sono mai abbattutto quando c’erano le crticihe, ci saranno sempre nel calcio. Lo stesso non mi esalto quando ci sono dei complimenti.

Quest’anno ci affideremo di più al gruppo dopo che sono andati via grandi compagni di squadra e giocatori forti. Anche quest’anno vogliamo fare cose importanti e c’è questa sensazione. Dimostreremo di essere un Napoli competitivo anche con i nuovi arrivi. Fa bene che ci danno per spacciati, è uno stimolo in più per fare meglio.

Il nostro capitano è Giovanni Di Lorenzo, è la persona giusta. Se andiamo a vedere tutti i tasselli, abbiamo il capitano giusto anche quest’anno per come si allena ed è da esempio per tutti noi.

Tra Osimhen e Spalletti si è risolto in meno di 10 minuti, a vole abbiamo anche bisogno di questo per alzare l’attenzione e l’aggressività. Sono cose di campo che aiutano la squadra a crescere. Spesso riesci a capire che i compagni riescono a tirar fuori qualcosa in più, ha dimostrato che era lì in campo con tutto se stesso. Ci stiamo allenando motlo sull’aggressività, Spalletti ora ci chiede anche questo.

A Napoli sto benissimo come lo sono stato ad Empoli, qui è nata la mia ultima figlia. Io da qui non me ne vado (ride, ndr)”.