Image

L’Inter sorride ai giovani talenti

Il giovanissimo centravanti nerazzurro è in costante crescita e potrebbe diventare presto uno dei talenti indiscussi della Nazionale maggiore di Mancini

L’Inter non ha compiuto un buon cammino finora, soprattutto a seguito delle ultime tre sconfitte rimediate in campionato. Sebbene il sogno Scudetto sia ormai sfumato, non tutto è perduto: restano da decidere non soltanto le semifinali di Coppa Italia contro la Juventus ma anche i quarti di finale di Champions League contro il Benfica, quattro incontri tutti da vivere fino all’ultimo respiro. Dopodiché bisognerà resettare tutto da zero, fare due conti in tasca e costruire una rosa vincente.

A prescindere che resti alla guida dei nerazzurri Simone Inzaghi, la dirigenza avrebbe in mente di piazzare qualche colpo importante al netto di altrettante uscite remunerative senza mai dimenticare quanto importante possa essere – soprattutto un questa delicata fase storica con i bilanci spesso in rosso – far crescere i propri talenti usciti dal comparto Primavera di Cristian Chivu per farli poi esplodere in Prima Squadra. È esattamente quel che si sta cercando di fare con Giovanni Fabbian, in prestito alla Reggina, ma anche Samuele Mulattieri in forze al Frosinone capolista di Serie B. Senza dimenticare Sebastiano Esposito, passato dal calcio europeo a quello tutto mostrano del Bari della famiglia De Laurentiis. Insomma grandi profili, grandi prospettive.

Come se non bastasse, anche la formazione Primavera potrebbe regalare qualche altra interessante individualità il prossimo anno. Stiamo parlando del più piccolo degli Esposito, Francesco Pio. Il giovane classe 2005 avrebbe ormai l’istinto del bomber di razza, rapido nei movimenti e forte fisicamente. Una vera istituzione, già capitano e leader dei suoi compagni di squadra. Risorsa di pregio, la dirigenza capitanata da Piero Ausilio potrebbe seriamente offrirgli il suo primo contratto da professionista in estate senza affrettare troppo i tempi. L’ideale sarebbe quello di lasciargli fare ancora un po’ di gavetta tra le file dell’Under-19 fino a nuovo ordine, quando potrebbe poi essere girato come i suoi predecessori in Serie B. La fila s’allunga.

Dalle giovanili dell’Inter alla Nazionale maggiore, il futuro del baby Esposito

Intanto, nuove intrepide voci girano sul suo conto. Perché il baby Esposito potrebbe fare il suo passo già lungo della gamba già nei mesi futuri quando per ordine di Roberto Mancini potrebbe persino figurare nel giro della Nazionale maggiore.

Lui ha un futuro già segnato, perché con le maglie azzurre dell’U17 e U19 ha dato sfoggio delle sue qualità. Queste non sono rimaste lontane dai riflettori, ma con l’annessione di Mateo Retegui e Simone Pafundi, Mancini avrebbe già messo un po’ di pepe nell’ambiente di Coverciano. Per Esposito, dunque, la convocazione potrebbe aspettare ancora un altro po’. Ma è a tanto così dall’essere consolidata. Per il tecnico non ci sono dubbi, del resto: “Se ci fossero centravanti italiani di prospettiva sarebbe una grande cosa“. Ed eccolo trovato, forse. L’enfant prodige del Bel Paese. Sotto gli occhi di tutti.

FONTE: interlive.it