Image

Salvatore Esposito in vista della Sampdoria: “I tifosi ci daranno la giusta carica”

“Andiamo a Genova contro una squadra che ha giocatori validi”. “Il mister ci ha dato una bella scossa, Verde mi sa consigliare”

Salvatore Esposito, classe 2000, arringa il popolo bianco in vista del derby di sabato sera contro la Sampdoria: “Abbiamo bisogno di voi, il vostro calore e il vostro sostegno saranno per noi fondamentali in una partita importante ma non determinante”.

Esposito, a grandi passi si avvicina il derby contro la Sampdoria di vitale importanza.

“Una partita importante ma non determinante che andrà affrontata con la giusta tranquillità, la voglia e la fame di fare punti. Andremo a Genova per cercare di ottenere il massimo al cospetto di una squadra che annovera tanti giocatori validi. Ritengo che per noi sarà importantissimo il supporto dei nostri tifosi, il calore della nostra gente sarà per noi fondamentale. Per i blucerchiati sarà una gara decisiva, anche per questo noi dovremo fare una grandissima prestazione”.

I tifosi aquilotti l’arma in più? “Da qui alla fine del campionato abbiamo bisogno del loro massimo supporto. Credo che venire a giocare al ‘Picco’ non sia facile per nessuna squadra perché nel nostro stadio il pubblico bianco è l’uomo in più capace di trascinarci e aiutarci”.

Da nove punti di vantaggio sulla terzultima a tre, state subendo il contraccolpo psicologico?

“È normale che avere tre punti in più dal Verona piuttosto che nove non sia la stessa cosa, ma è comunque importante essere sopra gli scaligeri. Stiamo lavorando bene, sono arrivati risultati buoni contro l’Inter e la Fiorentina, in questi momenti dove si può avvertire la pressione dobbiamo essere bravi a isolarci da tutto e tutti e fare i punti. Abbiamo, in tal senso, un gruppo e uno staff molto validi. È ovvio che qualche risultato in più possa apportare fiducia, però il campionato dello Spezia è questo, lo sapevamo. Stiamo seguendo una determinata strada, l’impronta di gioco che vuole il mister per conquistare la salvezza”.

L’avvento di mister Semplici cosa vi ha portato?

“Il nostro allenatore ha determinato un netto cambiamento, una scossa che ci serviva, in primis per il modo di affrontare le partite. Ora proviamo a essere sempre propositivi, cerchiamo di comandare il gioco e non a caso sono arrivati risultati inaspettati”.

Dopo oltre tre mesi di rodaggio, a che punto è il suo ambientamento con la Serie A?

“All’inizio ho trovato difficoltà com’è normale, il salto dalla B alla A è notevole, l’intensità è diversa, occorre vedere prima il gioco e gli avversari sono più forti. Lo scotto con la massima serie l’ho pagato nell’errore commesso contro la Roma e nel rosso contro l’Empoli”.

Le qualità su cui punta per affermarsi nel massimo campionato italiano?

“La ricerca della verticalizzazione e dei tempi di gioco, il possesso palla e l’abilità sui calci piazzati. Ovviamente cerco di fare quello che mi chiede il mister mettendomi a disposizione della squadra”.

Chi le dà maggiori consigli? “Verde cerca sempre di indirizzarmi sulla strada giusta”.

FONTE: lanazione.it